home
mappa del sito
 cerca
 
Comunicazione Eventi e segnalazioni Altri Eventi 2013  
 

12 aprile 2013
NERI DI BICCI

Madonna della cintola con i Santi Giovanni Battista,
Tommaso e Bartolomeo



ore 17,00
CATTEDRALE DI SAN MINIATO
PRESENTAZIONE RESTAURO DELLA PALA
Saluti

S.E. Mons. Fausto Tardelli - Vescovo di San Miniato
Antonio Guicciardini Salini - Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato
Dario Matteoni - Funzionario Soprintendenza di Pisa e Direttore Museo Nazionale di San Matteo a Pisa
Interventi

Antonio Natali - Direttore della Galleria degli Uffizi
Marta Onali - Storico dell’arte
Luigi Colombini, Ilaria Nardini - Laboratorio di restauro “Lo Studiolo” Lucca

ore 18,00
MUSEO DIOCESANO DI ARTE SACRA
VISITA AL MUSEO E ALLA PALA RESTAURATA



Si conclude un lavoro di restauro durato dieci anni e andato avanti per lotti d’intervento. Torna all’antico splendore, grazie al sostegno determinante della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato – che conferma la sua particolare attenzione al patrimonio artistico del territorio -  l’opera “Madonna fra Angeli e Santi” di Neri di Bicci.

L’artista fu l’ultimo esponente di una bottega molto attiva tra il ‘300 e il ‘400 a Firenze che subì l’influenza di Beato Angelico, di Filippo Lippi, di Domenico Veneziano e di Andrea del Castagno. L’opera – un complesso ligneo composto da più tavole e proprietà del Museo Diocesano d’Arte Sacra di San Miniato – presentava svariate problematiche come il distacco del colore e l’attacco dei tarli. Il progetto di restauro – come ci spiega la dottoressa Elisa Barani, responsabile dell’operazione per conto del Museo Diocesano – è consistito quindi nel completo rinforzo strutturale, con risanamenti, consolidamenti e disinfestazioni delle strutture lignee, seguiti da una stesura di cera in modo da proteggere il legno dai bruschi scambi di umidità. Rilevante l’intervento tecnico sui colori. La pulitura degli azzurri è stato uno dei punti nodali del restauro perché il colore di sfondo aveva un aspetto molto arido e poroso oltre che offuscato.
Torna quindi all’originale splendore una delle opere più importanti della collezione diocesana ed un pezzo di grande rilievo dell’arte sacra toscana interpretata da Neri di Bicci nella cui bottega fecero il loro apprendistato molti artisti, fra i quali Cosimo Rosselli, Giusto d’Andrea, Francesco Botticini, Bernardo di Stefano Rosselli. Le sue varie opere si conservano a Firenze (Galleria dell’Accademia), a Boston (Museum of Fine Arts), a Peccioli (Pieve di San Verano), a Volterra (Pinacoteca civica).

Il prossimo 12 aprile, alle ore 17, in Cattedrale, la pala restaurata sarà presentata nel corso di un incontro con la cittadinanza promosso dalla Diocesi di San Miniato e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.

 


 
Link e download
Biografia Neri di Bicci
Scheda dell'opera
Per maggiori informazioni
  © Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato
Privacy | C.F. 91003640504